Call of Cthulhu - L'Unicorno Alato

L'Unicorno Alato
Vai ai contenuti

Call of Cthulhu

L'Unicorno Alato > Cronache dell'Unicorno
La Casa

Protagonisti:
Betty Jordan, cantante jazz afroamericana
Celia McCann Carrol, infermiera
Doroty Stout Weston, giovane di buona famiglia
Herbert Coppard, Antiquario

Dal resoconto di Celia McCann Carrol

Boston, Massachusetts, 1920.
L’avvocato Stanton mette un annuncio per trovare persone disposte a risolvere un suo problema.
Quattro persone rispondono in un modo o nell’altro alla sua chiamata, Doroty Stout Weston, una ricca dilettante; Betty Jordan, una famosa cantante di colore; Celia McCann Carroll, una giovane infermiera e Herbert Coppard, un antiquario.
L’incarico affidato dall’avvocato riguarda la vecchia Casa Corbit a Boston.
La Casa era infatti stata affittata da una famiglia di origini italiane, la famiglia Macario, ed entrambi i coniugi sono stati coinvolti in una tragedia.
Nel 1918, circa due anni fa il padre della famiglia ha avuto un incidente ed è impazzito, venendo ricoverato alla clinica psichiatrica Roxbur e negli ultimi mesi anche la moglie aveva raggiunto il marito alla clinica parlando di occhi brucianti e qualcosa che li perseguitava.
Dopo che i quattro accettano l’incarico l’antiquario riceve le chiavi della casa.
Il gruppo così parte e si separano per andare a ricerca di informazioni.
L’antiquario va all’anagrafe, la cantante in biblioteca mentre la dilettante e la infermiera vanno fino alla clinica  Roxbur.
Lì vengono a conoscere le condizione dei due internati: Vittorio, il padre della famiglia Macario, è completamente pazzo, mentre la moglie Gabriella sta rispondendo bene alle cure fornitele.
Chiedendo alla donna i due vengono a sapere di questa presenza malvagia che vive all’interno della casa che quando è arrabbiata fa volare gli oggetti e sembra che questa fosse particolarmente più intensa nei confronti del marito.
Dopo essersi assicurati che la signora ottenesse un trattamento corretto le due donne recuperano gli altri e tutti insieme discutono delle informazioni trovate o non e decidono di andare a fare qualche ricerche agli archivi del Boston Globe.
Cercando fra gli archivi vengono a scoprire alcuni strani fatti accaduti alla Casa Corbit grazie ad un misterioso articolo anonimo mai pubblicato del1918.
Nel 1880 una famiglia francese si trasferì nella Casa e si è trasferita dopo alcuni incidenti che avevano lasciato i genitori morti e i figli feriti.
Nel 1909 un altra famiglia si trasferì nell’abitazione e i suoi abitanti si ammalarono misteriosamente.
Nel 1914 il fratello maggiore di quella famiglia impazzì e si uccise.
Nel 1917 un altra famiglia si ammalò improvvisamente dopo essersi trasferita nella Casa.
Grazie ad un impiegato il gruppo viene informato dell’assenza di articoli precedenti al 1878 a causa del grande incendio che distrusse completamente tutti gli archivi e consiglia quindi loro di andare a chiedere informazioni alla biblioteca.
Nel frattempo si è fatto tardi e la biblioteca è chiusa il gruppo decide quindi di andare al locale di  Betty Jordan che offre da bere e la cena agli altri.
Il giorno dopo il guppo si ritrova in biblioteca e ,dopo l’infruttuosa ricerca del giorno prima da parte della cantante, il gruppo riesce a scoprire, anche con l’aiuto di una bibliotecaria, di ulteriori avvenimenti riguardanti Casa Colbert.
Fu costruita nel 1835 da un ricco mercante che la donò al Baronetto Walter Corbit.
Nel 1852 Walter Corbit fu denunciato dai vicini a causa del suo comportamento alquanto disdicevole(ma non specificato) e i suoi vicini firmarono una petizione per cacciarlo.
L’annuncio di morte risale al 1866 quando ci fu un ulteriore causa legale per impedire che l’uomo venisse sepolto nella cantina della Casa secondo il suo desiderio in punto di morte.
Sull’articolo non ci sono informazioni riguardanti al successo o al fallimento di questa azione legale, quindi per ottenere informazioni in più il gruppo decide di fare un salto all’anagrafe di Boston.
All’archivio vengono a scoprire l’esecutore del testamento dio Walter Corbit, un certo Micael Thomas, Pastore della Cappella della Contemplazione e Chiesa nel Nostro Signore Garante dei Segreti.
Scoprono inoltre un azione del 1912 contro la Cappella della Contemplazione ma non ci sono informazioni precise su questi fatti.
Per riuscire scoprire di più sugli avvenimenti riguardanti quell’azione legale il gruppo decide quindi di andare a cercare fra gli archivi della polizia dove scoprono di un raid segreto alla  Cappella della Contemplazione a causa di alcune accuse da parte dei vicini di sparizioni di bambini. Durante l’assalto morirono tre poliziotti e ben 17 membri del culto a causa delle sparatorie e del fuoco.
Guardando però i risultati delle autopsie l’infermiera Celia si accorge di qualcosa di strano. Le autopsie sono veramente poco dettagliate, troppo poco! Quasi come se le autopsie non fossero nemmeno state fatte!
Continuando a leggere il resoconto scoprono che dei 54 membri arrestati dalla polizia solo 8 vennero arrestati con accuse di irregolarità. Micael Thomas fu arrestato nel 1912 con 5 accuse di omicidio di secondo grado e condannato a 40 anni di prigione. L’uomo riuscì a scappare dalla prigione nel 1917 ed ha lasciato lo stato.
L’intera storia è stata volutamente messa a tacere dalla polizia che non ha rilasciato le informazioni di questo loro raid al pubblico.
Nel pomeriggio il gruppo decide quindi di andare a dare un occhiata a questa famosa Cappella della Contemplazione e Chiesa nel Nostro Signore Garante dei Segreti.
Trovano la costruzione in rovina e ricoperta di erbacce, con il cancello di metallo arrugginito e proseguendo verso l’interno notano sull’arco di ingresso alla chiesa uno strano e misterioso simbolo che nessuno pare conoscere e un fastidioso ed improvviso mal di testa inizia ad avvolgerli.
Anche l’interno della chiesa non è ben ridotto e, mentre il gruppo osserva il pavimento marcio cede e l’antiquario Herbert Coppard precipita nella cantina della chiesa. Per riuscire a scendere ad aiutarlo  Doroty Stout Weston torna alla sua macchina trovando fortuitamente una torcia ed un rotolo di corda che il gruppo usa per scendere.
Durante il tragitto fino alla macchina la donna nota che il mal di testa sembra sparire al di fuori della chiesa.
Illuminando l’aria del crolla il gruppo scopre uno scheletro vicino all’antiquario con addosso quelli che sembrano i frammenti di un abito di sera.
Scendendo al piano inferiore grazie alle corde il gruppo trova i resti delle scale crollate ricoperte da macerie e un totale di ben due scheletri. Sulle pareti della stanza ci sono alcuni scaffali on quelli che sembrano registri e pergamene mentre su un leggio è posato un libro legato con una catena.
L’infermiera studia brevemente i due scheletri scoprendo che probabilmente sono morti asfissiati dai fumi durante l’incendio dell’edificio.
Successivamente va a studiare i registri venendo a scoprire che  Walter Corbit è effettivamente stato sepolto all’interno della sua cantina secondo i suoi desideri e quelli di Colui che Attende nell’Oscurità.
Nel frattempo l’antiquario si mette subito all’opera, studiando attentamente la copertina del libro che sembra proprio essere rilegato in vera pelle umana. Il testo è mezzo consumato dai topi ed ammuffito ma si riesce ancora a leggere e si rivela essere scritto in latino.
Sulla copertina si può leggere il titolo “Liber Ivonis”.
L’antiquario prende con se il libro e il gruppo lasciala chiesa e il mal di testa per andare a cenare.
Nella notte il curioso antiquario sfoglia il libro leggendone alcune parti venendo a scoprire di questo culto rivolto agli dei hiperboriani, a uomini serpenti ed ad altre strane e misteriose creature.
Purtroppo il libro è molto rovinato e quindi rimane solo un quarto di tutto il testo originale e ci vorranno diverse settimane per poter studiare appieno il suo contenuto.
Per ottenere informazioni (data l’assenza di browser di ricerca) il gruppo si reca nuovamente in biblioteca e la giovane cantante riesce a scoprire l’esistenza di altre due copie di quello stesso libro, una alla Miskatonic University ad Arkham e l’altra alla British Library di Londra.

Continua...
Torna ai contenuti